Modifiche della direttiva UE sulla tassazione dei redditi da risparmio

A partire dal 1° gennaio 2011 sono entrate in vigore alcune modifiche alla direttiva UE in materia di tassazione dei redditi da risparmio:

  • Le obbligazioni “grandfathered”, emesse per la prima volta anteriormente al 1° marzo 2001 e la cui emissione non è stata riaperta entro il 1° marzo 2002, rientreranno nell’ambito di applicazione della direttiva UE e non saranno più esenti dall’obbligo fiscale. Dal 1° gennaio 2011, i titoli di credito in questione saranno assoggettati alla direttiva UE. Solo le obbligazioni contenenti clausole di lordizzazione (“gross-up”) saranno esenti. La norma di “grandfathering” rimarrà valida anche dopo il 1° gennaio 2011 per tali strumenti, i quali, pertanto, non saranno soggetti all’applicazione della direttiva UE in materia di tassazione dei redditi da risparmio.
  • Dal 1° gennaio 2011 la percentuale di strumenti di investimento fruttiferi utilizzata per stabilire lo status fiscale di un fondo passa dal 40% al 25%.

Cosa è cambiato a partire dal 1° gennaio 2011?

  • La soglia minima per i fondi è passata dal 40% al 25%.
  • I titoli di credito non avranno più lo status di "grandfathered". Rimarranno esonerati dall’obbligo fiscale solo gli strumenti contenenti una clausola di lordizzazione o riscatto anticipato.

Elenco degli strumenti coinvolti

Ai clienti che hanno sottoscritto il servizio ESD, SIX Financial Information fornisce gratuitamente un elenco degli strumenti coinvolti, ossia degli strumenti contenenti clausole di lordizzazione e di quelli che non saranno più considerati "grandfathered" a partire dal 1° gennaio 2011. Se desiderate ricevere l’elenco, vi preghiamo di scrivere al seguente indirizzo email:

sales.global@six-financial-information.com

I clienti che non hanno sottoscritto il servizio ESD possono acquistare l’elenco pagandolo a parte. Per ricevere l’elenco, vi preghiamo di scrivere al seguente indirizzo email:


sales.global@six-financial-information.com